Home
PDF Stampa E-mail

Comunicato stampa

Emergenza rifiuti: un farsa per movimentare denaro pubblico senza controllo.

Palermo, 7 ottobre 2010 - Il Governo nazionale ha stabilito che lo stato di emergenza rifiuti in Sicilia, di cui commissario è stato nominato il governatore Lombardo, durerà fino al 2012, con ciò trasformando l’emergenza in stato stazionario. La Sicilia, infatti, è in emergenza rifiuti dal 1999, con una breve parentesi dal 2007 al 2010.

Questo tradisce una sola, triste realtà: il Governo non è in grado di risolvere il problema rifiuti in Sicilia, come non lo ha risolto a Napoli dove ha nascosto fuori città una montagna di RSU ed ha approntato un Piano Rifiuti emergenziale basato su inceneritori ed impianti di discarica.

Adesso Lombardo, nella veste di Commissario all’emergenza rifiuti, avrebbe dovuto produrre un Piano Rifiuti Regionale entro il 21 settembre, cosa che non è avvenuta, e che si sta nascondendo riproponendo alla stampa notizie vecchie come la costruzione di un impianto di smaltimento nella valle del Dittaino e l’esportazione dei rifiuti.

Temiamo allora fortemente che per la Sicilia sia stata programmata la stessa sorte di Napoli, un Piano Rifiuti solo in ritardo, di modo che l’emergenza possa giustificare altre discariche e nuovi inceneritori, che tanto erano stati criticati da Lombardo quando facevano parte del Piano Cuffaro. Questo avrebbe il solito scopo finale di poter movimentare molto denaro pubblico con il minimo di controllo.

Ci batteremo dunque per un immediato Piano Rifiuti sostenibile, poco costoso e non inquinante, così come prevede la legge in vigore che attribuisce un ruolo assolutamente preponderante alla riduzione della produzione dei rifiuti, al riuso e alla raccolta differenziata e al riciclo.

Associazione Rifiuti Zero Messina

Associazione Rifiuti Zero Palermo

 
Lettera aperta PDF Stampa E-mail
Giovedì 15 Luglio 2010 11:36

Palermo, 6 luglio

Una classe politica siciliana di incapaci ed irresponsabili -a Palermo come a Roma- continua a spingere in avanti la tragicommedia dell’emergenza rifiuti a Palermo ed in Sicilia.
Il centro del loro mondo è sempre l’affare multimiliardario dei termovalorizzatori, dando la possibilità di poter favorire la speculazione delle grandi imprese milanesi loro amiche, pescando dalla “mangiatoia d’oro” dei contributi del Cip6, soldi scippati ad ogni cittadino italiano con gli aumenti delle bollette Enel.
Vogliono rifare in Sicilia la stessa cosa che è già successa in Campania.
Drammatizzare la “questione rifiuti” e trasformarne la gestione ordinaria, con l’emergenza, in un bancomat a cui possano accedere liberamente “le cricche” di ciascuna provincia, come è già successo a Palermo con l’AMIA.
I politici che sostengono i termovalorizzatori se ne fregano della salute dei cittadini siciliani e dei loro bambini. Parlando di indispensabilità dei termovalorizzatori fanno finta di non sapere che, così procedendo, possono rendere felici solo le solite imprese truffaldine del Nord-Italia e le famiglie mafiose siciliane.

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Ottobre 2010 18:48
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail

Raccolta differenziata subito
e in tutta la città di Palermo


Lavoro alle cooperative di
"raccoglitori"


Impianti di raccolta multimateriale,
selezione, compostaggio, e recupero


Trasferimento in località opportuna del
centro di selezione di Partanna-Mondello


Valorizzazione del personale AMIA

No ad aumenti TARSU e
sconti per chi differenzia

NO all'incenerimento


Mercoledì 30 giugno il Coordinamento dei comitati riuniti, sarà a piazza Pretoria dalle ore 17.00.

Tutte le associazioni, comitati cittadini, singoli sono invitati a partecipare numerosi.

Basta con gli sprechi, sì alla vita, al lavoro e al buon governo per questa città.

Coordinamento dei comitati riuniti
 
PDF Stampa E-mail

30-06-2010

Cammarata dica la verità su Bellolampo ai magistrati!

L’associazione Rifiuti Zero Palermo ritiene che sia scandaloso che il Sindaco di Palermo Diego Cammarata, indagato per disastro ambientale doloso, inquinamento delle acque e del sottosuolo, truffa, gestione abusiva della discarica, abbandono dei rifiuti speciali, si sia avvalso davanti ai giudici della facoltà di non rispondere!

Riteniamo che dare spiegazioni su quel che è successo a Bellolampo e sulla disastrosa gestione dei rifiuti che ha determinato la formazione del lago di percolato in discarica, liquido altamente tossico che minaccia la salute dei palermitani, sia un dovere imprescindibile del Sindaco nei confronti di chi lo ha eletto e della intera città che rappresenta.

Cammarata vada dai giudici e collabori all'accertamento della verità!


 
PDF Stampa E-mail
COMUNICATO STAMPA
25-06-2010

Rifiuti Zero Palermo: <<L'alterativa alla discarica è la Differenziata spinta!>>


Ringraziamo il Sindaco di Palermo Diego Cammarata per la disponibilità manifestata durante l'intervista di Giovedì 24 Giugno 2010 a Radio Vaticana di attivarsi affinchè da subito possa iniziare la raccolta differenziata dell'umido in tutta la città e per dotare Palermo immediatamente di un impianto di compostaggio.

Anche l'associazione Rifiuti Zero Palermo, come il Sindaco Cammarata, vuole un'alternativa alla discarica, e indica come soluzione attuabile immediatamente e con diversi sistemi la Raccolta Differenziata. Questa, come hanno dimostrato gli straordinari risultati del progetto Palermo Differenzia, può arrivare a raggiungere l'80% in soli 6 mesi, con un grosso beneficio economico per la città e prolungando la vita della discarica fino a 5 volte.

La raccolta differenziata può essere incrementata ancora attraverso l'integrazione di diversi sistemi già sperimentati: cenciaioli, Centri Comunali di Raccolta (anche provvisori), isole ecologiche mobili ("Carretta caretta"), CAM, raccolta "porta a porta", raccolta condominiale, campane, raccolta multimateriale,...

A tal fine ribadiamo la necessità che si trovi il modo di mettere in funzione, anche in altro luogo, l'impianto di selezione già costruito e mai utilizzato di Partanna-Mondello che procurerebbe notevoli introiti per l'AMIA con la selezione della raccolta differenziata.

Donatella Costa
Presidente Associazione Rifiuti Zero Palermo

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Giugno 2010 18:38
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 6

volantino



scarica il pieghevole

ISTRUZIONI
Stampa fronte-retro
taglia a metà lungo la verticale: piega a fisarmonica:

Chi è online

 1 visitatore online